Lorenzo Visconti

Sapete cos’è un nom de plume?
Uno pseudonimo, un nome diverso dal tuo che utilizzi per raccontare storie inedite, rivolte al tuo pubblico ma anche ad uno nuovo, più ampio, magari che frequenta poco le librerie ma che legge, legge in digitale, sul Kindle.
Quello che ho scelto io, Paolo Roversi, per questa nuova serie noir è Lorenzo Visconti.
La scommessa risale al maggio 2017 (anche se ovviamente avevo scritto i romanzi prima), quando Amazon pubblica il primo volume della serie Dragon: La legge del Drago.
Da allora è stata una lunga cavalcata di emozioni: migliaia di lettori si sono innamorati (leggere le recensioni per credere) – giorno dopo giorno – del personaggio e della serie, fino a diventare (quasi) più numerosi di quelli che mi leggevano comprando i miei romanzi nelle librerie.
Libro dopo libro (uno ogni sei mesi circa) questa piccola rivoluzione non è passata inosservata agli addetti ai lavori tanto che un importante editore tradizionale come Cairo (proprio quello del Corriere della Sera, esatto) ne ha acquistato i diritti e ha deciso di mandare in libreria, da giovedì 8 novembre 2018, il primo romanzo della serie La legge del Drago.

Le due edizioni de La legge del Drago con Amazon e con Cairo

Non è finita: a maggio 2019 in concomitanza col Salone del Libro di Torino uscirà sempre per Cairo anche il secondo romanzo: Le piume del Drago.
Ma non è ancora tutto: siccome anche i lettori digitali reclamano la loro parte martedì 13 novembre 2018 su kindle uscirà il quarto romanzo della serie: Il Karma Del Drago.
Insomma,  queste sono le cose belle che succedono quando si ama quello che si fa e i lettori apprezzano il tuo lavoro anche se scrivi sotto pseudonimo. E visto che ora i libri si trovano anche nelle librerie tradizionali, Lorenzo Visconti, potrà uscire dal virtuale e presentarli di persona: le date già fissate le trovate sulla pagina ufficiale facebook dedicata al Drago.